1521 febbraio 15, Verola Alghisi.

La compagnia di San Nicola da Tolentino nella collegiata di San Lorenzo di Verola Alghisi commissiona al pittore maestro Evangelista Gatti la decorazione della cappella dell’altare di San Nicola.

Brescia - Archivio di Stato: Notarile Brescia, filza 358, notaio Tonino Grena.

Minuta abbozzata di mano del notaio, molto tormentata.

Ediz.: Boselli, 1971, pp. 301-302; Passamani, 1987, p. 13 nt 7; Guerrini, 2010, p. 277; Casanova, 2015, pp. 41-42 (revis.: 2).


die 15 februarij 1521[1]

In concordio facto[2] cum Magistro Euangelista
aderant Infrascripti videlicet

{Reuerendus presbiter Marcus de Bonis presbiter Nicolaus de dottis}[3]

Primo Toninus de grena    minister
Pecinus de girellis    subminister
Frater petrus de salis    sindicus
Magister Iohaninus darninus } Massarij
Antonius de boschettis }
Baptista bocalettus    Comendator
Mateus buzinus }
Antonius de pontiuicho }
Betinus de la mora }
Antonius paser }
Bartolinus parentus } omnes de conscilio
Magister Martinus de siano }
Frater Iohannes: boschettus }
Bernardinus spallentia }
Baptista de gattis }
[4] Iohannes: petrus ferarius
Magister Vbertus bignottus
Antonius de trappis
Iacobus Zuchinus
Mateus de gattis
Paulus spallentia
Mafeus Colle
Iohannes Cremensis
Paulus de senigis
Marcus spallentia
Bartolomeus de brignano
Magister Euangelista de gattis
Iohannes de gattis
Cressinus de mozanica
Bernardinus darninus
Bartolomeus de rumano
Iulianus de spallentia [5]

 

 Capitula sunt hec videlicet.

Primo che ditto Maistro Euangelista debia depi<n>zere la fazata sopra[6] l·altare cum la anuntiata sopra al volto. et sopra la anuntiata farli vno bello friso posto de azuri fini mescolati cum oro fino in bona et laudabel forna[7] et meter el torgion del volto tutto a·oro de ducato. Et sotto al volto farli vno dio padre cum tutto el volto azuro cum stelli d·or finisissimo.[8]

Item I·pilastri et cornisoni debiano essere tutti depinti de colori fini cum doy figuri secundo li será ordinato cum le sue diademe d·oro fino el resto a Candeleri finna in terra

Item sotto ay cornisoni de la volta li debia far quatro capituli de miraculi de sancto Nicola secondo li seranno dati e dal altare in zoso debia far spalere +[9]

Item debia depenzere la fazata de drio a Verdine per tutto doue non será la Cassa de la Ancona

Item debia far vno palio alo altare cum sancto Nicolao in mezo

Li quali supra nominati prometteno de dar a·ditto Maistro Euangelista Lire 45 videlicet statim Lire 30 e Lire 15 quando l·auerá fornito

 


[1] La parte iniziale della minuta è stilata nel quadrante in alto a destra del foglio.   [2] Segue “per”, depennato.   [3] Aggiunta posteriore nell’interlinea.   [4] Da questo punto al termine l’elenco è annotato nella colonna sinistra del quadrante in basso a destra del foglio (nella colonna destra è segnata la parte finale del contratto, vedi sotto).   [5] A partire da qui, fino al segno ‘+’, il testo è annotato nel quadrante inferiore sinistro del foglio.   [6] La -r- corretta.   [7] Scil.: “forma”.   [8] Scil.: “finissimo”.   [9] Il segno ‘+’ rimanda alla colonna destra del quadrante in basso a destra del foglio, dove la minuta prosegue fino al termine.

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it