1636 settembre 26, Verola Alghisi.

Compravendita. Il rev. don Lelio Zanucca, nobile di Brescia, vende al rev. don Pietro Chimini, rettore di Verolavecchia, tav. 36:9 di terra in contrada di San Vito, territorio di Verolavecchia, a mattina della chiesa di San Vito, ad uso della stessa chiesa, per complessive lire plt 180, 143:10 delle quali anticipate dall’eremita della chiesa Callisto Baiguera.

Verolavecchia - Archivio Parrocchiale: 141/2(a), "Testamentarie Disposizioni a favore della Disciplina, e Chiesa di S.ti Vito e Modesto", pp. 7-8, (notaio Gabriele Leonini).

Ediz.: inedito (revis.: 1).


23 7bre 1636.

Compra del Molto Illustre, et Molto Reuerendo Signor Pietro Chemini à nome della Chiesa di Santo Vito
dal Molto Illustre, et Molto Reuerendo Signor Don Lelio Zanuccha di Lire 180 planet

IN Xpisti Nomine Amen Millesimo, sexcentessimo trigesimo sexto Inditione quarta die uero’ Martis uigesimo tertio mensis Septembris. In Domo habitationis mei Notarij Infrascripti sita in Terra Virolæ Alghisij Districtus Brixiæ in contrata Plateæ Magnæ. Presentibus Admodum Reuerendo Ioanne Baptista de Bordonalibus de Virola Veteri et ser Antonio filio quondam Antonij de Bonominis habitatore Virolæ Alghisij Testibus etc., ac asserentibus sese etc. -

Il Molto Illustre, et Molto Reuerendo Signor Don Lelio Zanuccha Nobile di Brescia, et iui habitante, qui presente, che fa peretc. per ogni meglior modo etc. Ha datto, uenduto, et alienato etc. et per titolo di vendita dá, uende, et aliena raggione sua propria à mondo, et allodio etc. al Molto Illustre, et Molto Reuerendo Signor Don Pietro Chemini Rettore di Verola Vechia, qui presente, che fa, compra, et acquista à nome, et vtilitá della Chiesa di Santo Vito di Verola sudetta Nominatamente Tauole trenta sei piedi noue di Terra aradora adaquadora posta sopra il Territorio di Verola sudetta in Contrata di Santo Vito alla quale è coherentiata à sera [8] la sudetta Chiesa di Santo Vito da mezzo di strada publica da Mattina il sudetto Monsignor Don Lelio Venditore, et da Monte Messer Antonio Barisano saltem di Tauole come di sopra misurata per Messer Pietro Cominatio publico Agrimenzore in Verola Vechia Ad hauer tener etc. Dando Cedendo etc. Ponendo Constituendo etc. Et questo ha fatto, et fa esso Monsignor Zanuccha Venditore presente etc. per pretio, et finito Mercato di lire cinque la tauola, tal che tuto importa lire cento ottanta planet lasciandogli gratis à detta Chiesa li piedi Noue, le quali lire cento ottanta planet, qui Messer Calistro Baiguera Eremita di detta Chiesa attualmente, et presentialmente gli ha datti, pagati, et numerati al sudetto Monsignor Don Lelio Zanuccha, qui presente, che li riceue in tanti buoni danari d'Argento in presenza etc. Renuntiando etc.; quali lire 180 planet Lire 143:10 planet proprij di detto Heremita quali impresta à detta Chiesa, et il resto sono elemosine fatte ad essa Chiesa, sí come asseriscono, per le quali Tauole 36 piedi 9 come di sopra uendute il predetto Molto Reuerendo Monsignor Don Lelio presente ha promesso, et promette d'Euitione, et legittima deffensione etc. in ogni caso di lire etc. sotto pena Promettendo etc. Obligando etc. Renuntiando etc.

De quibus omnibus rogatus sum Ego Gabriel Leoninus notarius etc. -

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it