1603 agosto 13, Verolavecchia.

Inventario dei beni della chiesa parrocchiale di Verolavecchia, steso in occasione della la morte del rettore don Tarquinio Dati.

Brescia - Archivio di Stato: Notarile Brescia, filza 3057, notaio Dionisio Baiguera.

Minuta in duplice copia.

Ediz.: Casanova, 1999, pp. 68-69.


jesus

Adi 13 Auosto 1603 jn verola vecchia.

Inuentario delli beni stabeli et mobilia che si retrouano in verola vecchia ragioni dela Giesia parochiale di essa terra, retrouati da puoi la morte del quondam molto Reuerendo Monsignor Tarquinio Dathis, fatto ad jnstantia del molto Reuerendo Monsignor vicario Foraneo di verola algisi quali sonno videlicet

Prima vn cortiuo areato et Hortiuo, cum duoi corpi de casa murati cupati solerati, vno a caminata, et l’altro a cosina, cum vno andeueno in megio, vna caniuetta a monte parte, cum duoi tratti de finil et stalle et vna baita a sinistra parte cum vna staletta da caualli, e vna cosinetta da bugada a mezo di, cum le suoi porte et anti in ogni loco, Et cum vna bella pergola a mezodi, et senza alchuna mobilia de casa saluo vn centenaro da olio bono, et vna banca. cum vn paliaro nel cortiuo, –

Item vno casamento per il masaro in detta terra murato cuppato solerato cum era et Horto, cum stalla et fenili, et cum vno altro paiaro in detto cortiuo per il masaro et mezo tratto di stopolo sopra il fenile. cum porzile et polaro fatto de nouo amatina parte –

Item vna casa in castello murata cuppata solerata, de duoi tratti posta a presso la torre. –

Item vn sedume in detto castello per fabricar vna casa desopra ala torre verso matina – <1v>

Robbe et Mobilia trouata in la giesia et Sacrestia
quali sonno videlicet.

Prima Toualij numero vndici tra grandi et picole

Item trei palij, vna Zaldo et rosso de curame, vno turchino de Damascho, et vno morello di Dobletto –

Item doi altri, toualij et vno palio bianco de curame

Item vno piuuale de Damasco bianco cum franza de oro falso et seda con fregio di vasetto rosso figurato, Vno Tabernacolo, grande, cum doi angioli grandi, quatro candelari de otton, et cum la sua coperta de tela rossa, vno palio verde, due pianete verde, vna de raso cum croce biancha et opera d’oro, l·altra di Dopletto cum croce de raso rosso, Vna pianeta de ormisino biancho cum opera rossa, larga, vna pianeta rossa de Scarlatto de[1] croce recamata antichissima. Vna pianeta di dopletto negro cum croce di racammo Vna pianetta morella di raso cum croce verde cum opera di seda mescolata, Vna altra <pianeta> rossa di stamedo de Bergamo fregiata de opera di seda Vna pianeta di raso beretino frusta cum opera de oro falso, et questi pianeti hanno le sue stole et manipoli.

Vno calice de rame cum la coppa de argento et patena de ramme. Duoi libri da canto firmo, cioe vno Antifonario, et vno graduale, duoi mesali vno picolo, et vno grande, due <2r> Tonicelle di raso rosso fregiate de opera de oro falso, et seda verda; – Trei camise cum amiti de tela frusti et vno cordone. duoi veli verdi de zandalo Stampato cum argento – vno velo rosso rigato cum pizetti gialli, vno de creuelino cum franza rossa a torno, due borse antiche vna borsa di due colori bianca et rossa, – vna pisside grande per il Santissimo Sacramento cum coppa de argento, Vna pisside per li jnfirmi, vna custodia o tabernacolo da portar il Santissimo Sacramento nele processioni, vno Rittuale, vna croce cum figure d’argento dala parte del crocifixo, dalli altri parti cum figure di rame dorate – Sei banchi tra il coro et sacrestia et vna cassa tutti, de albara vno Teribolo et nauicella antichissimi. vno sedelino dalaqua benedetta, vna tauoletta dalle secrete dorata –

Vna cassa recognossuta per quella de paramenti per Bernardino filiolo quondam maistro Battista corsino consignata neli mani de messer julio Spinon ala presentia de maistro jouan Andrea capredon console del presente mese del comune di detta terra, nela qual segli retrouato li jnfrascritti

prima vno cosino di raso rosso, vna pianeta de Damasco cum croce de brocado cum stola et manipolo vno palio de raso cremesino, cum seda de Brocado verda et rossa, vna pianeta di damasco <2v> morella cum croce de veluto Rizo cum manipola et stola. vna pianeta di brocadello d·argento bianco cum foiame de brocado, di oro fornita de opera d’oro Et Seda, vno messale doi cosini de curame bianco de argento, vno Breuiari grande vechio, vn calice de ramme cum coppa de argento cum patena de rame; due borse de brocado, vna morella et l·altra bianca, cinque veli vno morello, vno negro vno bianco, vn verde et vno Zaldo forniti parte d’oro et argento. vna Toualia bianca cum opera et franza, vna cotta frusta, doi camus cum amiti, et vno cordon. –

De piu jl sudetto Monsignor vicario Foraneo Ha constituito et constituisse per economo vniuersale jl Reuerendo don pre josepho Baiuiera curato in essa terra per tener conto di tutto quello si pertiene al carigo et vtile del Beneficio et Rectore, et tener conto deli jntrate, et aiutar, nela cura dele Anime Sino a nouo Rectore. Et questo ala presentia de messer Zohan Bosio Bernardino corsino Sudetto et de Guarino Rafalio. tutti habitatori in verola sudetta testimonij a questo rechiesti etc. –

Et jn fede de cio jo Dionisio Bayuiera citadino de Bressa, nodaro publico in verola vechia ho Scritto il presente de comision del sudetto Monsignor vicario et per magior caution gli ho posto il mio Solito del Tabellionato Segno.


[1] Scil.: “con”

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it