La carta del vicario

 

ELIA Capriolo, nobile bresciano, era stato vicario a Quinzano nel 1485; quando nel 1505 si dispose a pubblicare la sua storia di Brescia, vi accluse una topografia del territorio in cui i maggiori centri erano individuati da forme variate di castelli. Non è escluso che l’aspetto dato a Quinzano nella sua carta abbia qualche riferimento non del tutto immaginario alle forme reali del tempo.


 

Carta topografica del territorio bresciano. Elia Capriolo, Chronica de rebus brexianorum, Brescia, Arundo de Arundis, s.a. [c. 1505]. Xilografia.

Dettaglio. La zona tra Orzinuovi e Pontevico.

Dettaglio. Il Castello di Quinzano.

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it