La miniatura dei privilegi

 

ORIENTATA da nord a sud, questa pergamena raffigura Quinzano in foma di quadrilatero. La semplificazione operata dal cartografo non compromette, comunque, il rispetto sostanziale delle strutture della fortificazione, così come le conosciamo da altre illustrazioni: la torre principale, di forma quadrangolare, è l’imponente ingresso settentrionale (Porta di Mercato); il bastione di destra dovrebbe corrispondere al quartiere esterno del Razzetto; la porta in basso è quella occidentale (Porta di Borgo).

IL DATO più curioso è senz’altro l’individuazione come entità a sé della località Mozolo (Mezzullo), illustrata con due piccole case affiancate presso il fiume.

 

La bassa pianura dell’Oglio tra Vrci noui (Orzinuovi) e Ponteuicho illustra parecchi centri: (da sinistra a destra) Barcho, Villagana, Villachiara, Oane(n)go (Ovanengo), Aqualonga, Gabiano (Borgo San Giacomo), Padernelo, Motela, chasteleto (segnato solo con un puntino, forse perché feudo esente), Monteceli, Virola.

La striscia che attraversa il fiume in corrispondenza della strada che porta a Quinzano non indica un ponte, ma semplicemente l’esistenza di un servizio di traghetto fra le due sponde (Porto).


 

Carta del territorio bresciano. Miniatura su pergamena dal Codice di privilegi concessi alla città, alle famiglie e al territorio di Brescia.

Brescia, Civica Biblioteca Queriniana, manoscr. H.V.5. (seconda metà del sec. XV).

Dettaglio. La zona fra Orzinuovi e Pontevico.

Dettaglio. Il castello di Quinzano.

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it