CONTI Domizio Celio Cinzio Fenice († 25.12.1557).

Gandino Giovanni, Giardino de Letterati di Quinzano, 1717, pp. 97-101. (Cfr. Alveario, copia Bertoglio, pp. 22-ss).

Edizione: inedito.

Trascr.: tcas (liv. 2).


[ritratto]

Domizio Ceglio, Cintio Conti

Domizio Ceglio, Cintio Conti detto Fenice per applaudere ancòr’ egli alla Gloria del Genitore ad onore di sè stesso, e dell’istessa sua Patria, accopiò così bene all’Eccellenza de costumi l’eleganza dell’humane lettere, con la uaria erudizione del dire sciolto, e prontezza al verso, che gli fù tanto degno Figlio, quanto il Poeta Giouanni Francesco [99] Essend’egli d’un esquisita natura per inuestigare gl’ingegni, e componere, fù dalla Città di Brescia elletto con preferenza d’altri à formare le Inscrizioni uniuersalmente applaudite ed ammirate degl’Archi Triumfali al Cardinale Francesco Cornaro suo Vescouo nel suo primo Ingresso l’anno 1532 eretti, dal quale fù poi sempre teneramente amato, e distinto; e dalla medesima Città fù li 26 Marzo 1546 suo Concittadino, e Benemerito dichiarato, e creato, di che in casa nostra se ne conserua il Diploma.

Scrisse

de seminariis artis metricę
De Metrobasi
Le Miscellanee
Molti Poemi, ed Epigrammi
Et de Dubitationibus ad Ioannem Baptistam Egratium
[1] Poetam, et oratorem Venetiis humaniorum litterarum Professorem.

Morse quì l’anno 1557 nell’età d’Anni 79, e fù posto il di lui Corpo appresso del Poeta Quinzano suo Fratello con l’Epitaffio seguente di Claudio suo Figlio.

Trino Afflante Numine
Cęlii Cynthii Phęnicis Quintiani Fratris Comitis Gandinensis
Viri undequaque Doctissimi Monumentum
Vixit Annos septuaginta nouem
Obiitque 1557 8 Kalendas Ianuarias hora xi noctis.
salutis, et scientię, et famę siti. [100]
Luce obiit simili fuerat qua Cęlius ortus
Quintiano inferior carmine pene nihil,
Qui pręclara suo peperit sibi nomine marte
Vt iure, àc merito uindicet illa sibi.
Cęlii Patris, et Quintiani
[2] Patrui optime meritorum
Monumentum Posuit Claudius pientissimus 1578 6 Idus Augustas

Dal Quinzano Stoa suo Fratello uiene in più luoghi nelle sue Epografie, ed altre sue opere nominato col nome di Domizio Quintio, e di Fenice

Di lui ne parlano il Padre Leonardo Cozzandi seruita nella Libraria Bresciana: Don Agostino Pizzoni nell’Historia di Quinzano; et il Celebre Medico Pianeri nell’enumeratione degl’Vomini illustri di questa Patria con le seguenti: “est, et Frater eius Cęlius ingeniorum scrutator acerrimus, quem uniuersa Brixię Ciuitas arcubus triumphalibus, quos in honorem Cardinali Cornelio erexerat, pręfecit: quosque iste ita uariis, eruditisque inscriptionibus insigniuit, et decorauit, ut miro quodam applausu ab omnibus legerentur, atque approbarentur: habet, et ipse plurima uolumina edenda” etc. [101]

Alla sua Effigge Inscrizion mia

Deo Optimo Maximo
Domicio Cęlio Quintio Poetę, Phęnici
[3] dicto
Ingeniorum scrutatori
Acerrimo.
Quem uniuersa Brixię Ciuitas archubus
triumphalibus, quos in onorem Cardinali Francisco 3.°
Cornelio Brixię Episcopo 100 Anno 1532 erexerat,
Pręfecit:
Quosque ille ita uariis, eruditisque Inscriptionibus
insigniuit, et decorauit;
Vt miro quodam applausu ab omnibus legerentur, atque
celebrarentur.
Seminariorum Artis metricę: Metrobasis: Miscellaneorum
Poematum, et Epigrammatum: et Dubitationum,
Ad Ioannem Baptistam Egnatium Poetam, et
Oratorem Venetiis Rhetorem
Scriptori Egregio
Qui hìc anno ętatis suę 79 Anno 1557
Obiit


[1] “Egnatium”. [2] Segue una parola depennata. [3] Corretto da “Phęnicis”.

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it