CONTI Giovanni († 11.10.1529).

Gandino Giovanni, Giardino de Letterati di Quinzano, 1717, pp. 94-97. (Cfr. Alveario, copia Bertoglio, pp. 16-17).

Edizione: inedito.

Trascr.: tcas (liv. 2).


[ritratto]

Giouanni Conti

Giouanni Conti per uirtù singolari, de quali uniuersalmente n’ebbe ben adorno l’animo suo, e per essere stato Padre di Giouanni Francesco Quinzano, e di Domizio Celio per Antonomasia detto la Fenice splendori di questa Patria, giustamente merita ne primi luoghi della seconda Parte di questo di questo Giardino la Lui’ rimembranza. Fù singolare nell’Vmane Lettere [95] in tempo, che le Romane erano quasi smarrite; nella Cognizione e peritia delli Linguaggi, Caldeo, Greco, Hebraico, e Lattino; e per 60 e più anni quì statone publico Maestro, dalla cui’ scola uscirono eruditissimi i proprii Figlii, e moltissimi altri, Tutti al Mundo stati proficui, e gloriosi: Inuentore della Festa del Glorioso Santo Nicolò, che nel suo giorno alli 6 di xbre quì dalli scolari uiene con distinzioni, e giubili festata. Scrittore di molte opere, Questioni, e Digressioni sopra tutta la Filosofia. Dalli suoi Figlii fù posto al Lui’ Auello il seguente Epitafio ch’in Lapide bianco di presente stà inserto nel dorso esteriore del Choro della Parrochiale di questa Terra, à lettere maiuscole inciso.

Ob Memoriam P. Parentum

Ioanni: Iacobo Comiti Gandinensi
Viro integerrimo Pubilice: Vtili:
et famigero . Qui obijt
M.D.XXIX. V° Idus: Octobres
et
Bartholomęę Vertummię fęminę probissimę quaę
viro supervixit Annum: i Menses: iij Dies vij.
Ioannes Franciscus Quintianus Stoa Poeta Laureatus,
et
Caius Cęlius Cinthius Phęnix Filii pientissimi
Monumentum Hoc Ponendum Curauerunt

 

[96] Passò da’ questa all’altra vita à godere i meritati premii del Cielo li 11 ottobre l’Anno 1529 tempore pestis. Mia Inscrizione alla sua effigge

Deo Optimo Maximo

Ioanni de Comitibus, Ioannis Francisci Quintiani Stoe, Oratoris, equitis
Poetę laureati, et Domitii Quintii Poetę dicti Fęnicis
Patri;
sua ętate Doctissimo, et integerrimo viro; Festiuitatis
Diui Nicolai Episcopi Barrensis hìc Institutori. Ibi per
60, et plures Annos Publico Pręceptori, à cuius Gym-
nasio (reparatis, fere’ deperditis humanioribus Litteris), tan-
quam à quodam fonte innumeri profecto’, pręter suos
Filios, Discipluli, Proximo, Principibus, et Christianę Rei-
publicę, maxime’ proficui emenarunt.
Viro certe omni laude, ęternaque memoria Digno.
Qui Annis onustus, meritisque onustior M.D.XXIX.
V Idus 8bris obiit.

Ioannes Gandinus Physicus die
Ascensionis Domini Iesu Xpisti
6 Maii 1717 Monumentum Posuit.

 

[97] Di questo ne fanno breue menzione il Signor ottauio Rossi: il Padre Leonardo Cozzandi seruita: Don Agostino Pizzoni nell’Historia di Quinzano folio 26. Il medico Giouanni Pianeri de Enumeratione illustriume Virorum suę Patrię così ne scriue. “Hi duo Filii Patrem Ioannem sortiti sunt, uirum per ea tempora doctum, et integerrimum (deperditę enim erant tunc Romanę litterę) à quo tanquam à quodam fonte innumeri fere’ discipuli emanarunt: is igitur per sexaginta, et amplius annos, grammaticam, literasque lattinas professus, tantum laboribus, et uigilantia effecit, ut non solum Filios, sed et innumeros fere’ erudierit, à quo etiam ego puer prima rei litterarię elementa didici: Vir certe’ omni laude, eternaque memoria dignus.[1] illi suffectus est Ioannes Maria cognomento Veronensis, uir, et ipse probitate, et in erudiendis pueris, et iuuenibus dexteritate mirus.” etc. e ciò nella prima edizione stampata in Vienna l’anno 1556.


[1] Segue “cui”, depennato.

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it