BASELLI Serafino (†1630 ca), benedettino cassinese.

Nember, Giuseppe, Gli Scrittori, e Uomini più chiari di Quinzano Paese illustre della Provincia di Brescia, ora chiamata Dipartimento del Mella, ms autografo già nell’archivio Nember di Quinzano, luglio-settembre 1810, p. 2.

Edizione: Nember-Guerrini, 1934, n. XXXI, p. 107.


III. Baselli Serafino Monaco Benedettino

Serafino Baselli fiorì circa il 1600. Entrò nella Religione de’ Monaci Benedettini[1] a 12 di Marzo del 1572 nel Monastero de’ Santi Faustino, e Giovita di Brescia[2]. Lo Storico di Quinzano pretende (1), ch’egli sostenesse diverse cariche in quella illustre congregazione. Il suo genio principale fu per le Matematiche, nelle quali fu versatissimo (2). Lasciò alcune Disertazioni in queste materie, ma tutte Manoscritte. Morì intorno al 1630 (3).

 

(1)    Agostino Piccioni = Storia del Castello di Quinzano pag. 36.

(2)    Armellini Marianus = Bibliotheca Benedectino-Cassinensis = Parte II. pag. 171.

(3)    Ne’ Registri Manosscritti del Monastero de’ SSanti Faustino, e Giovita è chiamato Mathematicus insignis, et Musicus”.


[1] A: «Cassinesi».

[2] Nota di Guerrini: «Il catalogo dei Professi di S. Faustino Maggiore da me pubblicato nelle Memorie storiche II (1931) p. 108, mette la professione di D. Serafino da Quinzano sotto il 29 marzo 1592. La data qui data dal Nember potrebbe essere quella della nascita.»

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it