È vero che per la maggior parte le testimonianze di arte popolare si sono perse; e tuttavia non possiamo trascurare che intorno ad alcune di esse la gente ha intrecciato una devozione vivace, che non ha perso vigore nel corso dei secoli ed è giunta integra fin quasi ai nostri giorni.

Questo è il caso della Madonna della Pieve di Quinzano, un bell’affresco del secolo XV, che in origine si trovava sul muro esterno del battistero pievano, e che fu raccolto dapprima sotto una tettoia, ampliata poi in forma di cappelletta, e infine di piccolo santuario.

Devozione popolare a un’immagine sacra forse esterna, promossa poi a un rango superiore, fu pure la sorte della cosiddetta Madonna del Campanile di Verolanuova, che fu collocata solo nel 1765 là dove ancor oggi si trova, sull’altare interno alla chiesa, un tempo prepositurale, oggi detta della Disciplina di Santa Croce.


Quinzano: Pieve. “Madonna della Pieve” (affresco del sec. XV).

Quinzano: Pieve. “Madonna della Pieve” (da un’immaginetta anteriore ai restauri del 1980).

Verolanuova: Disciplina. “Madonna delle Grazie o del Campanile” (affresco del sec. XVI).

Verolanuova: Disciplina. Altare della “Madonna delle Grazie o del Campanile”.

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it