Edificio del XVIII secolo, che prima delle successive frequenti trasformazioni: Casa del Fascio, Casa del Popolo, Municipio (1973), Biblioteca comunale (2006), presentava due portoni d’ingresso, un ampio cortile, due scaloni d’accesso al piano nobile, e diverse sale con stipiti in pietra.

Al piano terra vi era un salone capace di 400 persone. Pregevole il cornicione conservato durante le ultime ristrutturazioni.

L’ingresso est del palazzo si apriva un tempo sul vicolo dei Trappi, ora via Pianeri.


 

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it