Pieve di S. Maria

Organo Traeri

 

qz pieve organo 01Carlo TRAERI (†1689)
Organo positivo
firmato e datato sul fondo della secreta: «Adi Primo Marzo 1667 Io Carlo Traeri Ho Refatto questo Somiero».

L’organo (secondo la scheda pubblicata da F. Dassenno) è un rarissimo strumento del ‘600, sopravvissuto nonostante le pessime manomissioni subite nel tempo, soprattutto nel '900.

Si tratta di uno strumento che Carlo Traeri rifece nel 1667, utilizzando quasi tutto il materiali fonico di un preesistente organo realizzato tra ‘500 e ‘600. Tutte le canne, per quanto manomesse, sono originali, come pure il somiere, la catenacciatura, il crivello di cuoio e la panca. È un tipico positivo con cassa indipendente e somiere di basseria sul retro. 

La cassa fu rimaneggiata nel '700, mentre le brutte quinte laterali furono aggiunte per nascondere la manticeria probabilmente nel corso delle pesanti manomissioni operate nel 1937 da Mario Volpari. Attualmente versa in un desolante stato di abbandono e in pessime condizioni di conservazione.

Caratteristiche tecniche:

  • facciata a tre cuspidi in tre campatine;
  • tastiera di 49 tasti (do1-do5); i primi 4 cromatici tirano quelli dell’ottava superiore;
  • pedaliera lunga e inclinata di 17 pedali (do1-mi2);
  • registrazione con placchette a bilico meccaniche che tirano le stecche;
  • pedaletti: Unione tasto-pedale, Ripieno.

Disposizione fonica:

GRANDE ORGANO

Disposizione originale

Disposizione attuale

Principale 8'

Bassi armonici

Ottava 4'

Principale 8' B.

Decima quinta

Principale 8' S.

Decima nona

Flauto in Ottava

Vigesima seconda

Ripieno

Flauto in Duodecima

Eulina

Voce umana

 

 

Bibliografia: F. DASSENNO 2002, p. 22; "Organo Carlo Traeri 1667" (con varie immagini).

© 2009 - 2020, GAFO-Quinzano.it