simonía.

In teologia morale è la colpa consistente nella volontà di comprare o vendere per un prezzo materiale, o mediante scambio, una cosa intrinsecamente spirituale (ad es. un sacramento), o una cosa temporale connessa necessariamente con una spirituale (ad es. la dotazione di un beneficio).

La simonia è detta confidenziale, quando si ha la cessione temporanea a una terza persona di un beneficio ecclesiastico, a patto che esso, in un secondo momento, sia restituito a colui che l’ha fatto ottenere, o a un familiare.

Questo malcostume, benché sempre severamente perseguito dall’autorità, fu capillarmente diffuso nella chiesa dei secoli passati, e fu causa importante nella degenerazione della vita delle comunità cristiane, almeno fino alla riforma tridentina.

sito realizzato con Joomla!
© 2009-2017 - GAFO-Quinzano