piviàle.

Dal latino pluviale, mantello ‘da pioggia’.

Manto liturgico a forma di semicerchio, lungo fin quasi ai piedi, aperto sul davanti e fermato sul petto da un fermaglio; nella parte posteriore è ornato dal cosiddetto scudo (in luogo di un originario cappuccio).

Nato piuttosto tardivamente, sul modello forse delle cappe corali monastiche, è divenuto l’abito liturgico per tutte le funzioni fuori dalla messa (per la quale è riservata la pianeta), e può essere portato da tutti i chierici, non solo vescovi o sacerdoti, ma anche ministri inferiori.

È fatto normalmente di seta, nei consueti colori liturgici.

sito realizzato con Joomla!
© 2009-2017 - GAFO-Quinzano