confessore.

Perché un sacerdote potesse esercitare legittimamente il sacramento della confessione, era necessaria l’autorizzazione del vescovo, che in ciò teneva conto dell’età del candidato, della sua preparazione spirituale e culturale, e della sua moralità. Talvolta nei verbali di visita si trovano decreti di concessione o sospensione del permesso di confessare, anche limitato a categorie specifiche di persone (donne, sacerdoti).

sito realizzato con Joomla!
© 2009-2017 - GAFO-Quinzano