chierico.

È colui che, rinunciando al mondo e votandosi al servizio divino, entra nell’ambito della gerarchia ecclesiastica. Il diritto canonico distingueva, dopo la tonsura, i chierici inquattro ordini minori: ostiario (portinaio), lettore, esorcista, accolito; e in altrettanti ordini maggiori: suddiacono, diacono, presbitero (prete) e vescovo. Il chierico godeva di una serie di privilegi: privilegium canonis, per cui l'offensore intenzionale restava scomunicato; privilegium fori, per cui egli poteva essere chiamato in giudizio solo col consenso dell'autorità ecclesiastica; privilegium immunitatis, lo esentava dal servizio militare e da uffici pubblici; privilegium competentiae, non permetteva che fosse sequestrato ciò che era necessario al suo sostentamento. Tra i doveri del chierico: il celibato, la recita quotidiana dell'ufficio divino (dal suddiaconato in poi), l'uso dell'abito ecclesiastico.

sito realizzato con Joomla!
© 2009-2017 - GAFO-Quinzano